Post Top Ad

venerdì 23 novembre 2018

LUSHatemi qui: evento di presentazione fra la collezione natalizia e l'impegno sociale


In quel di via del Corso, non molto distante da Piazza del Popolo, si trova un luogo incantato, regno di glitter, magia e dolcezza: Lush.



Proprio ieri, giovedì 22 Novembre, mi sono trovata, grazie all’invito di una mia cara amica, a partecipare quasi per caso all’evento di presentazione della nuova campagna natalizia di Lush in cui fragranze e colori si fondono con la tradizione e i profumi tipici di questo periodo dell’anno. Insieme a Beauty Guru del tubo e della stampa, online e non, mi sono fatta largo in un mondo che, a dir la verità, non frequentavo da un bel po’: è passato così tanto tempo dall’ultima volta in cui avevo messo piede nello store che ancora non lo avevo visto ingrandito, più luminoso e fornito.

Rapita da odori paradisiaci e colori sgargianti che inducono i clienti a lasciar fuori dalle porte del negozio ogni problema e preoccupazione, mi sono mimetizzata in questo gruppo di ragazze preparatissime sui prodotti e i loro benefici. Condotto da Serena e Carlotta, ribattezzate come le fantagenitrici con i capelli dipinti rispettivamente di verde e di rosa di questo viaggio, il gruppetto è entrato in contatto con edizioni limitate natalizie che ogni anno si riconfermano bestsellers del loro genere e con novità assolute avvolgenti al tatto e dai colori intensi.
Sensazionali sono le Jelly Bombs natalizie: un pancione rosso di Babbo Natale dalla consistenza davvero budinosa e un orsacchiotto tutto bianco, profumato e dalla consistenza più cremosa che ricorda i peluche di quando eravamo bambini. Dalla fragranza meno dolce e più speziata è l’olio corpo solido a forma di omino di pan di zenzero, con olio essenziale, naturalmente, di zenzero e di garofano, che al suo interno nasconde una polvere di brillantini.



La vera newentry di quest’anno, arrivata la mattina della nostra visita, è senza dubbio Goddess, una bomba da bagno dai colori tenui e rilassanti sul tono dei fiori di lavanda, il celeste fumo e l’argento. Ispirato alla divina Cleopatra, che si narra facesse il bagno immersa nel latte d’asina per rendere la pelle più morbida, una volta esplosa nella vostra vasca rilascerà preziosi e piacevolissimi glitter e un profumo delicato ma al contempo deciso, grazie alle fragranze di gelsomino e sandalo contenute al suo interno. Burri di cacao colombiano biologico e karité, olio di Argan: tutto curato da gruppi di donne del Ghana e del Marocco per salvaguardare l’ambiente e le comunità che abitano quei luoghi che alcuni considerano ancora oggi, nonostante la globalizzazione, troppo lontani.

Al di là delle scoperte di cosmetica, dalle altre bombe da bagno o da doccia glitterate e profumatissime ai prodotti agli scrub per le labbra, è proprio questo che più mi ha spinto a parlarvi di Lush: il concept dell’azienda.

Il nuovo restyling del negozio, una giungla con piante verdi che cadono dal soffitto e pareti da cui i prodotti coloratissimi fanno capolino come fossero animali tropicali rispecchia al massimo l’impegno e la consapevolezza etica di cui Lush si fa promoter. Come è possibile leggere dal sito, i prodotti sono 100% vegetariani non testati sugli animali e con ingredienti greenfriendly: ogni articolo, nel sito come in negozio, oltre a presentare una fantasiosa e accattivante descrizione, è affiancato dall’INCI in cui sono evidenziati prodotti davvero naturali e specificati quelli che, pur trattandosi di sostanze sintetiche, sono sicure. Per rendere il pianeta ancora più pulito, è fra i primi negozi di cosmetica ad aver introdotto il sistema di “riciclaggio confezione”. Non solo cerca di aggirare la presenza di plastiche con formulazioni solide dei prodotti, ma acquistando emulsioni e cosmetici fluidi, la volta successiva anziché comprare nuovamente contenitori di plastica che danneggiano l’ambiente, sarà possibile riempire quello che già abbiamo.

Come se non bastasse, questo weekend sabato 24 e domenica 25, il negozio si fa promotore di un splendida iniziativa per sostenere il  “Progetto Baobab” tramite l’acquisto crema per mani e corpo Charity Pot nei punti vendita di via del Corso e quello di Roma Trevi.
 






novembre 23, 2018 / by / 0 Comments

Nessun commento:

Posta un commento

Post Top Ad